twitterfacebook

Il Bacio Perugina…The italian way to say I Love you!

Il Bacio Perugina…The italian way to say I Love you!

Chi non ha, almeno una volta nella vita, ricevuto un Bacio Perugina?! Io credo nessuno. :-)

Soprattutto se consideriamo che ogni minuto se ne vendono circa 1.500 e che potremmo fare dieci volte il giro del mondo se mettessimo in fila tutti quelli venduti fino ad ora! Wow!

Con l’avvicinarsi di San Valentino non potevamo raccontare la storia del cioccolatino italiano più conosciuto al mondo nato proprio in Umbria in una piccola azienda di appena quindici dipendenti. Protagonista indiscusso di ogni storia d’amore, il Bacio Perugina, ha festeggiato di recente i suoi “primi” 90 anni!

Ma come è nato il Bacio Perugina?

Tutto cominciò nel 1922 quando Luisa Spagnoli trovò il modo di riutilizzare i residui della granella di nocciola dei altre lavorazioni aggiungendovi una nocciola intera e ricoprirla con l’inimitabile cioccolato Luisa. Ma non tutti sanno che inizialmente  il cioccolatino prese il nome di “Cazzotto” per la sua forma simile alla nocca di una mano. Giovanni Buitoni, marito di Luisa, decise di rinominarlo in Bacio portandolo così al successo!

foto-cazzotto-perugina

Il perché di questo nome lo spiego così: “Come avrebbe potuto un cliente entrare in un negozio e chiedere, magari ad una graziosa venditrice “Per favore, un cazzotto”. Tolsi il cartello dal vassoio e ne misi uno nuovo: “Baci Perugina” così che i giovani si rivolgevano alla venditrice “signorina, mi dà un bacio?” E la signorina: “Eccole un Bacio”,  accompagnandolo con uno sguardo birichino”.

Il primo lo ribattezzò Bacio mentre il secondo, Art Directory della Perugina creò l’incarto color argento e scritte blu, e la scatola con la coppia che si bacia sotto una pioggia di stelle, ispirato al dipinto “Il Bacio” di Hayez . Ma soprattutto ebbe l’intuizione di aggiungere il cartiglio con la frase d’amore (io ne ho sempre tenute un paio nel portafoglio!).

In poco tempo I Baci Perugina raggiungono un grande successo anche oltreoceano.

Nel 1939 apre il primo punto vendita Perugina sulla Fifth Avenue di New York e importanti testimonial cominceranno ad apparire a fianco del mitico cioccolatino: da Vittorio Gasman a Frank Sinatra e Rodolfo Valentino.

Nel corso degli anni l’immagine dei Baci Perugina ha subito diverse trasformazioni: nel 1968 arrivano le stelline e i primi slogan “I Baci sono Parole” e pubblicità indimenticabili.

Ma sarà con la nuova confezione a tubo i nuovi tormentoni: “Impara il linguaggio dei tubi! Così gli altri non capiranno un tubo!” e “Più Baci più Piaci” che i Baci conquistano i giovani! Arrivano anche i primi gadget.

L’8 aprile 1997 i passeggeri del volo Alitalia AZ610 diretto a New York si imbarcano su un jumbo decorato come un enorme tubo di Baci Perugina.

Mentre nel 2003, in occasione di Eurochocolate a Perugia, Il Bacio Perugina conquista il Guinness dei Primati con il cioccolatino più grande al mondo: Il BaciOne di “soli” 5980 Kg.


Nel 2000 i Baci sbarcano sul web e nel 2012 raggiungono 1 milione di “Mi Piace”.

Poi sono arrivati il Bacio Rosso ripieno di ciliegia e cremoso al liquore che non ebbe il successo sperato che invece con il Bacio Bianco, il Bacio Inaspettato, sta ottenendo in questo periodo. Basti pensare che per il suo lancio è stato girato il film “Lezioni di Cioccolato 2“!

E voi per San Valentino regalerete un Bacio a chi?

Bacio Perugina… The italian way to say I Love you!

Written by Letizia Mencarelli

Viaggiatrice, quando le tasche me lo consentono, altrimenti lo faccio con la mente. I video, la fotografia, la tecnologia e la musica rock sono solo alcune delle mie passioni. Da quando mi sono "aifonizzata" ne sono dipendente e sono sempre più social. Attenti però a non farmi arrabbiare: posso sempre indossare i guantoni da Sakura Kombat! :-) Resta in contatto con me anche su Google+

Leave A Reply